L’Alchimista. The Alchemist. Paulo Coelho. 1988

Libri, books, fotografia, photography, recensioni, review, bookblog, Coelho, l'alchimista, the alchemist

 

L’Alchimista è la storia di un viaggio iniziatico. La ricerca di qualcosa di segreto che ha a che fare con la capacità misteriosa di saper ascoltare il proprio cuore. Protagonista è il giovane pastore andaluso Santiago.  Egli ama viaggiare ed è per questo motivo che ha scelto di fare il pastore.

Ma questo non basta perché continua a sentire il richiamo di qualcosa di nuovo che ancora non riesce a identificare. Una specie di tensione costante che lo rende irrequieto. Il mondo e il suo cuore parlano una lingua strana e meravigliosa che deve imparare a comprendere.

L’Alchimista è la storia di questa avventura e mostra il percorso tortuoso ed edificante che permetterà a Santiago di realizzare il suo intento.

Il sogno

Santiago è perseguitato da un sogno ricorrente: un tesoro nel mezzo del deserto e lui che scavando riesce a trovarlo. Spinto da questo e altri presagi, decide d’intraprendere un viaggio avventuroso alla ricerca di quanto gli è stato promesso dal suo inconscio.

Questo viaggio è allo stesso tempo reale e simbolico. La ricchezza in fatti non è lo scopo unico del suo partire. L’impulso fondamentale è dato dalla necessità di raggiungere un equilibrio con il mondo attraverso una profonda conoscenza di sé.

Il viaggio

Così leggiamo di Santiago e lo vediamo attraversare lo Stretto di Gibilterra ed entrare in contatto con un mondo lontano, molto diverso da quello che ha sempre conosciuto. Impara subito i pericoli del trovarsi in una terra straniera. Scopre il bisogno di dover affinare i propri sensi ed essere pronto a reagire con l’ambiente circostante in modo più veloce, istintivo e audace.

Essendo immerso in una realtà estranea che funziona in modo insolito, Santiago diventa capace di cogliere quei segni e simboli che lo aiutano a superare le barriere della diversità.

L’Alchimia e l’alchimista

L’universo è costituito da una lingua che tutti comprendono, ma che ormai si è dimenticata. Io sto cercando questo Linguaggio Universale, e tante altre cose. Sono qui per questo. Perché devo trovare un uomo che conosce questo linguaggio universale. Un Alchimista.”

L’alchimia è l’arte che insegue la conoscenza necessaria a trasformare il metallo in oro e la ricerca di oggetti fantastici come la Pietra Filosofale e l’Elisir di lunga vita.

Più in generale essa consiste nel ricondurre sul piano materiale la perfezione spirituale. In questo senso l’Alchimista è l’uomo che più di tutti conosce i segreti della natura e del mondo.

La Leggenda Personale

Il sogno rappresenta uno dei temi fondamentali del romanzo. Ma è un sogno che va oltre il desiderio di oggetti materiali, riguardando piuttosto il raggiungimento di un’armonia totale con il mondo.

Un’armonia data dalla comprensione di quei segreti che è possibile captare solo riscoprendo il coraggio, la fiducia e la saggezza che da tempo gli uomini hanno dimenticato e che permetterebbero a ognuno di realizzare il proprio destino.

L’Anima del mondo è alimentata dalla felicità degli uomini. O dall’infelicità, dall’invidia, dalla gelosia. Realizzare la propria Leggenda Personale è il solo dovere degli uomini. Tutto è una sola cosa. E quando tu desideri qualcosa, tutto l’Universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio

Un viaggio iniziatico come favola moderna

Il libro si ricollega idealmente a Il Cammino di Santiago scritto da Coelho nel 1987. In questo libro egli narra la storia del viaggio da lui compiuto lungo il famoso percorso che si snoda tra Francia e Spagna e che fin dal Medioevo è stato intrapreso da milioni di pellegrini. Però a differenza di questo libro, l’Alchimista narra un’avventura che ha carattere simbolico.

Il simbolismo è accentuato dal rispettare da parte della trama in modo originale e puntuale le tappe tradizionali del viaggio d’iniziazione.  Queste tappe ricalcano il viaggio dell’eroe così come descritto da Joseph Campbell nel suo libro L’eroe dai mille volti, poi ripreso da Christopher Vogler nel suo libro Viaggio dell’Eroe. 

L’eroe partendo dal mondo ordinario, si trova ad attraversare diverse fasi fra cui: la chiamata all’avventura, l’incontro con il mentore, l’ingresso nel mondo straordinario, l’incontro scontro con alleati e nemici, il superamento della prova e il ritorno con l’elisir.

L’uso di questa struttura secondo Campbell ripropone dinamiche profonde legate al concetto di Inconscio Collettivo di Carl Jung. Ciò facilita l’immedesimazione subitanea del lettore con Santiago. Il pastorello sembra così rappresentare quella voce audace che sussurra all’orecchio di ognuno di noi, esortando ad abbracciare la vita nella sua ambivalenza verso esperienze a noi ancora sconosciute.

Inoltre, qui, Coelho sceglie volutamente di mantenere uno stile semplice. Ne risulta una prosa caratterizzata da una lettura piacevole e immediata, che pur trattando tematiche profonde e complesse richiama l’atmosfera delle favole.

Pensieri…

Il libro ha avuto un grande successo. E’ stato capace di trattare argomenti criptici come il misticismo, l’iniziazione e la magia in modo accessibile e con una prosa d’immediata lettura.

Alcuni lettori hanno però considerato questi tratti segno di un semplicismo che ha reso un po’ troppo prevedibili alcuni sviluppi narrativi, dando al romanzo una natura transitoria e poco chiara, tesa fra romanzo d’avventura e favola.

Ho letto il romanzo qualche anno fa, riprendendolo poi in mano di recente su consiglio entusiasta di una persona amica che lo ha concluso da poco. La prima volta, come oggi, resta per me un’esperienza piacevole e coinvolgente che mi ha saputo comunicare una visione positiva del mondo e un’immagine ottimistica delle relazioni umane, soprattutto nel rapporto tra Santiago e il suo mentore, l’Alchimista.

Sarebbe bello incontrare qualcuno che ci ricordi l’importanza di credere nei sogni e ci guidi attraverso le vie per realizzarli. Qualcuno capace di mostrarci le possibilità inesauribili del viaggio, inteso non solo come spostamento fisico, quanto come opportunità di mettersi in discussione, raggiungendo una maggiore conoscenza emotiva di sé e del mondo.

Voi lo avete letto? Vi è piaciuto?

4 Replies to “L’Alchimista. The Alchemist. Paulo Coelho. 1988”

💬

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: